Dir. Sanitario: Dr. Vincenzo Del Prete

Trattamenti di Medicina Estetica

Biostimolazione

Biostimolazione

La biostimolazione è un trattamento di medicina estetica con acido ialuronico per il trattamento delle rughe.
Pelle eccessivamente secca e disidratata, increspature cutanee, sia superficiali che profonde, sono segno di una inadeguata idratazione profondo: dal punto di vista biomolecolare la perdita di liquidi causa una diminuzione delle fibre collagene e a una degenerazione delle fibre elastiche.
Ciò avviene perché nella pelle il ricambio cellulare avviene secondo un procedimento naturale: essa si rigenera partendo dagli strati più profondi determinando al tempo stesso un’esfoliazione degli strati più superficiali; una secchezza alla base causa un inaridimento della superficie.
La biostimolazione è una procedura che mira ad aiutare le cellule del derma e della cute, a riattivare i procedimenti biologici naturali per un corretto rinnovamento: biostimolare vuole dire fornire i mezzi necessari per ripartire correttamente.
La biostimolazione con acido ialuronico libero è il trattamento di riferimento per il recupero di tono ed elasticità cutanea, di conseguenza, permette anche il recupero di lucidità e freschezza generando un notevole effetto di ringiovanimento.

 

COS’È LA BIOSTIMOLAZIONE?

La biostimolazione è un procedimento medico-estetico, non invasivo, ambulatoriale, che consiste nello stimolare il derma e la cute a riattivare tutti i processi molecolari per la generazione di cute, con un conseguente miglioramento estetico.

In cosa consiste?

Il trattamento rilascia sottopelle delle sostanze che donano nel tempo tonoelasticità e freschezza: la biostimolazione riesce a produrre nuovo collagene e tessuto connettivo, fondamentali per un ringiovanimento del derma.

La procedura migliora quindi il turgore del tessuto cutaneo, contrastando l’azione dei radicali liberi. I principi attivati dalla biostimolazione sono solitamente: l’acido ialuronico, alcuni aminoacidi e le vitamine più efficaci nel combattere e rallentare l’invecchiamento del derma. Le molecole che vengono utilizzate sono assolutamente biodegradabili, non hanno controindicazioni e non sono di origine animale: sono quindi naturali e verranno ben integrate a quelle già presenti nella pelle.

Questa miscela di sostanze viene introdotta sotto pelle attraverso l’uso di aghi molto sottili e corti, che non causano alcun fastidio: non c’è bisogno infatti di anestesia per questo mini intervento, se non in alcuni specifici casi.

E’ risaputo che il primo elemento, di fondamentale importanza, nel possedere un benessere fisico è l’acqua: la biostimolazione aiuta le cellule, in presenza di liquidi, a riattivarsi spontaneamente. La reidratazione profonda è quindi il segreto per una naturale biostimolazione cellulare.

Il Filler è il trattamento di riferimento per la idratazione profonda ed è lo strumento scelto da Istituto Estetico Italiano per la biostimolazione cutanea.

 

QUANTI TIPI DI BIOSTIMOLAZIONE ESISTONO?

I tipi di biostimolazione sono tantissimi, ma quelli che realmente appaiono essere efficaci sono quelli che agiscono direttamente in profondità, stimolando direttamente le cellule rigeneratrici cutanee

Le sostanze biostimolanti sono quindi molteplici ed agiscono attraverso diversi e svariati meccanismi d’azione:

  • aminoacidi, fattori di crescita ed estratti placentari: questi stimolano direttamente le cellule attivando il loro metabolismo e promuovendo pertanto una rigenerazione e produzione di nuovo collagene;
  • vitamine, minerali, coenzimi: questi permettono la sintesi del collagene e il rallentamento dell’invecchiamento della pelle;
  • acidi ialuronici ad alto peso molecolare: questi migliorano direttamente il trofismo cutaneo e quindi l’idratazione ed il turgore dato che hanno la capacità di richiamare acqua fino a 500 volte il loro volume.

I prodotti biostimolanti e/o biorivitalizzanti, a cui il/la paziente può essere sottoposto/a, sono quindi questi che in base all’età o allo stile di vita sono combinati per un programma “personalizzato”dal proprio medico-estetico.

Alcuni saranno più soft come per esempio quelli per le pelli più giovani; altri più intensi, soprattutto per le cuti disidratate e invecchiate, per offrire un’idratazione profonda e per prolungare l’effetto di un filler: offriranno un ringiovanimento finale, sia biologico che estetico, visibile nel tempo.

Quindi fornire liquidi e substrati per la stimolazione cellulare è caratteristica peculiare dei biostimolanti; altre sostanze invece non hanno una comprovata veridicità del loro funzionamento.

La scelta dell’Istituto Estetico Italiano è di uno strumento a base di acido ialuronico puro con l’aggiunta di mannitolo.

 

EFFETTI INDESIDERATI

Possiamo dire che la biostimolazione non causa effetti indesiderati dato che vengono iniettate nei tessuti sotto pelle delle sostanze naturali, biocompatibili, già riconosciute dal nostro corpo e quindi ben tollerate.

Gli unici effetti indesiderati, provocati dalla biostimolazionesono di breve durata e derivano dall’iniezione su cui si basa il trattamento stesso.

Subito dopo il mini intervento la zona trattata può apparire a volte lievemente arrossata, o leggermente più gonfia rispetto al risultato finale che si vuole ottenere.

In alcuni casi si può provare una sensazione di calore, altre volte si possono formare dei piccoli ematomi e/o un piccolo sanguinamento: tutti questi piccoli effetti indesiderati sono sempre localizzati intorno alla zona iniettata che diventerà, nell’ immediato post biostimolazione, più sensibile.

Qualora si manifestassero, hanno comunque una brevissima durata: la condizione della area trattata si stabilizza entro massimo un paio di giorni.

Si ricorda che, fin da subito, per coprire questi lievi effetti collaterali, può essere utilizzato dalla paziente un leggero make-up e che dopo la biostimolazione si possono riprendere tutte le proprie normali attività lavorative, sociali, affettive.

Possiamo dire quindi che gli effetti collaterali post biostimolazione sono congruenti ad altri trattamenti iniettivi (ecchimosi, dolenzia, eritema) e che questo mini intervento è controindicato solamente nei soggetti allergici ai componenti utilizzati, o ai pazienti con infezioni cutanee nell’immediato. Il medico-estetico valuterà volta volta se è il caso, o meno, di intervenire sulla area che necessita del trattamento.

 

POST BIOSTIMOLAZIONE

Nell’immediato post-biostimolazione sono comuni alcune reazioni leggere, che sono la naturale conseguenza delle mini iniezioni.

Tra le reazioni post-biostimolazione più frequenti ci sono:

  • arrossamento, gonfiore, dolore, prurito; tutte localizzate nelle sedi di inoculo.

Generalmente queste reazioni si risolvono spontaneamente nel giro di poche ore, ma, sempre nell’immediato post-trattamento, può portare sollievo l’applicazione di maschere di gel freddo o ghiaccio;

  • piccoli ematomi.

Si dovessero formare dei piccoli edemi, la loro durata potrà variare da paziente a paziente, comunque non persisteranno mai più di qualche giorno.

Se si dovessero presentare gli effetti sopracitati, cosa si può mettere su le tumefazioni postbiostimolazione? In questi casi è consigliabile massaggiare, in maniera delicata, per alcuni minuti la zona in questione, aiutandosi con delle creme lenitive.

Inoltre, nei giorni successivi, potrete riscaldare l’aerea interessata migliorando e stimolando la circolazione locale del sangue: così facendo si facilita il riassorbimento degli ematomi locali. In più il calore aumenta l’eliminazione dei depositi grassi, favorisce l’assimilazione e il drenaggio dei liquidi trattenuti e quindi l’eliminazione delle tossine.

Certamente una normale igiene e manutenzione dell’area trattata va mantenuta per almeno un giorno.

Nei casi di post-biostimolazione sul volto, la paziente può truccarsi lievemente fin da subito, ma l’esposizione ai raggi ultravioletti di lampade UV e al sole è invece sconsigliata per almeno due-tre giorni: al momento di prendere il sole utilizzate comunque la vostra crema protettiva abituale.

Post-trattamento, quest’ultimo dura massimo mezz’ora, sarà possibile riprendere nell’immediato la normale vita professionale, sociale e familiare.

 

COMPLICANZE E PREVENZIONE BIOSTIMOLAZIONE

Non esistono controindicazioni al trattamento di biostimolazione, dato che si tratta di un intervento mini invasivo, sicuro e dalla massima tollerabilità.

L’acido ialuronico iniettato, di origine naturale, non provoca reazioni allergiche o di intolleranza, se non qualche effetto collaterale come lievi ecchimosi e alcuni piccoli pomfi che il/ la paziente può coprire, se lo ritiene opportuno, con del trucco: si attenuano nel giro di alcune ore o al massimo pochi giorni.

La possibilità di complicanze più gravi, post intervento di biostimolazione, sono dovute alla presenza di malattie sistematiche della cute o di infezioni cutanee pre- esistenti nelle zone da trattare. Le complicanze più gravi sono ulteriormente ridotte conoscendo le caratteristiche peculiari, l’anamnesi, del / della paziente.

Possiamo quindi dire che le persone a rischio di complicanze probabilmente:

  • hanno abitudini scorrette di vita;
  • prestano una scarsa osservanza delle prescrizioni date;
  • hanno una tendenza alla formazione di cheloidi;
  • nutrono un’irreale aspettativa del risultato.

In genere dopo il trattamento la cute interessata si può mostrare quindi lievemente arrossata, si può provare una sensazione di calore e forse un lieve gonfiore, ma comunque sono situazioni temporanee e complessivamente si rientra nella quotidianità entro breve.

I risultati diventeranno evidenti proseguendo le sedute, rendendo continuativi gli effetti della biostimolazione che non sono permanenti.

 

QUALI BENEFICI COMPORTA IL TRATTAMENTO DI BIOSTIMOLAZIONE?

Prima di tutto è bene sempre ricordare che non tutti abbiamo lo stesso tipo di pelle, per cui la sua potrebbe avere indicazioni diverse rispetto a quella della sua amica e quindi è molto importante sottoporsi a una visita con il chirurgo specialista.

Detto questo, la biostimolazione è un trattamento di medicina estetica dedicato al volto, che migliora e mantiene più a lungo una pelle luminosa e fresca. Infatti, il trattamento, dona elasticità, turgore e idratazione al tessuto cutaneo del viso, aumenta visibilmente la tonicità della pelle e contrasta l’azione dei radicali liberi.

La biostimolazione è sempre effettuata in ambulatorio e non è dolorosa: all’inizio della seduta viene applicata sul volto del paziente una crema anestetica e successivamente con un ago monouso sottilissimo (diametro di un capello), il chirurgo procederà al rilascio delle sostanze utili subito al di sotto dell’epidermide della ruga (strato superficiale del derma).

Le sostanze che possono essere iniettate sono: acido ialuronico a bassa densità, aminoacidi precursori del collagene, dell’elastina e dei glicosaminoglicani, vitamine, rimedi omeopatici, PDRN (polidesossiribonucleotide) e PDRN + tossina botulinica.

Ovviamente dopo la visita specialistica, il chirurgo deciderà e sceglierà quali sostanze iniettare durante la seduta del trattamento, avendo valutando il caso specifico del paziente. Subito dopo il trattamento sarà visibile un lieve arrossamento che scomparirà in poco tempo e le sarà possibile tornare alla sua normale vita quotidiana.

  • Durata intervento: 30 minuti
  • Ritorno al Sociale: immediato
  • Anestesia nessuna
  • Esposizione al sole: dopo 3 giorni
  • Tipo di ricovero: nessuno
  • Recupero attività sportiva: normale

 

Richiedi Maggiori Informazioni

Open chat
Hai bisogno di aiuto?
Powered by